Viabilità: dal 13 agosto l’emergenza continua. E il Sindaco dov’è?

viagramsciSempre più perplesso mi chiedo se sia possibile spiegare la differenza che passa tra verità e opinione. Racconto ciò che vedo oppure ciò che pretendo che gli altri vedano? Molti aspetti dell’attuale vita amministrativa bagnolese vengono raccontati con la medesima, “professionale”, abilità distorsiva e mimetizzante, secondo lo schema “pongo un problema così che prefiguri quella, solo quella, soluzione” (naturalmente la mia)  erigendola a somma verità indiscutibile. Così facendo spaccio la mia tracotanza come fosse efficienza, trasparenza, rispetto dell’interlocutore, sia esso cittadino, collega di Consiglio o dipendente comunale.

E’ ciò che avviene a Bagnolo Mella: ordinanza sulla viabilità, tariffa rifiuti, retta mensa scolastica, contributi all’Istituto comprensivo, scelta del sistema di conferimento rifiuti sono esempi chiari di come la maggioranza  intenda il servizio di amministrare il proprio paese (di cui si è custodi e non padroni). Bisogna fare così perchè è così, lo abbiamo deciso noi. Lasciateci fare. Nello specifico l’ordinanza viabilità è un caso emblematico, purtroppo non unico. Esiste da decenni il gravissimo problema provocato dall’attraversamento del paese della strada provinciale Brescia-Cremona e nonostante l’impegno di varie amministrazioni comunali e provinciali ci ritroviamo allo stesso punto.

 Anzi, no. Oggi abbiamo anche un nutrito gruppo di cittadini che, sollecitati da quello sciagurato atto d’imperio ferragostano, si sono resi disponibili a collaborare attivamente per affrontare il problema e proporre soluzioni possibili illudendosi di trovare ascolto. Per non disperdere queste preziose energie e intelligenze che, unite agli sforzi di maggioranza e opposizione, possono finalmente proporre una soluzione alla gestione del traffico e migliorare la qualità della vita in via Gramsci e non solo, bisogna però sedersi insieme, studiare, discutere ascoltandosi, proporre e progettare soluzioni alternative a quelle fino ad ora prospettate e francamente, alla luce della realtà attuale, difficilmente realizzabili entro breve tempo.

Via Gramsci è, per un tratto di 800 metri, pericolosa, insalubre, non idonea a sostenere l’attuale traffico. Servono soluzioni alternative che risolvano e non spostino problemi, pericoli, insalubrità in altre zone di Bagnolo. Tutti i cittadini hanno doveri e diritti. E’ compito degli amministratori garantirli con  imparzialità e adoperarsi perché i singoli cittadini compatiscano le singole esigenze per realizzare il bene comune che superi gli interessi di parte. Ciò che abbiamo visto invece in questo caso è stato l’intervento diretto di alcuni amministratori che hanno partecipato attivamente a promuovere un movimento di parte che, invece di sostenere una collaborazione attiva, ha impedito l’apertura di un sereno confronto.

 Per questo DICIAMO NO ALL’ ORDINANZA sindacale perchè emessa:

  • senza aver acquisito dati viabilistici e sanitari
  • senza consultare le Commissioni consiliari, consultive, i consiglieri comunali, i cittadini
  • senza informare e preparare i cittadini a una decisione che ne muterebbe drammaticamente le  abitudini (è bastata l’inversione, ben segnalata, di un singolo senso unico in centro al paese senza preavviso per determinare rischi di incidenti)
  • senza specifici motivi di urgenza (emessa al 13 agosto e a tutt’oggi non eseguita)
  • senza pensare che il problema non viene risolto, ma spostato
  • senza dare informazioni corrette quando richieste e bluffando sulle misure degli autoarticolati, delle carreggiate, sui raggi di curvatura, sullo spessore delle massicciate e delle asfaltature e addirittura sui sensi di marcia che mutavano ad ogni specifica richiesta di spiegazioni

DICIAMO SI alla necessità di:

  • ritirare immediatamente l’ordinanza
  • informare correttamente cittadini e aziende per poterne accogliere osservazioni e proposte
  • approntare e approvare un serio “Piano di intervento viabilistico”col contributo di Assessore di competenza, commissioni consiliari e consultive, popolazione e Provincia di Brescia

Gianpietro Donini
Capogruppo Lista Civica Donini Sindaco

Annunci

3 commenti

  1. Vi brucia che in 30/40 non avete mai fatto nulla di concreto come ora che dite si debbano trovare soluzioni alternative. MA QUALI SONO… non lo dite mai e soprattutto non le attuate

  2. Qualcuno prova a fare il furbo, ma tanto furbo non lo è se posta due commenti con due nomi (falsi) e mail (false) ma con lo stesso indirizzo IP (se non sai cosa significa, non sforzarti di capirlo: fa lo stesso).

    D’ora in avanti i commenti senza nome o indirizzo mail attendibile verranno moderati ed eventualmente rimossi. Troppo facile nascondersi dietro l’anonimato o parlare per conto terzi.

    P.S. Il rispetto che avete verso gli immigrati lo dimostrate quando ne scimmiottate nome e parlata per fini personali.

  3. gianpietro donini · · Rispondi

    Ringrazio in Signor Gianni per il commento perchè mi consente di ribadire alcune considerazioni omesse nell’articolo.Se frequentasse le sedute del Consiglio comunale ricorderebbe che in alcune sedute è stato elencato il percorso che varie amministrazioni comunali e provinciali, alternatesi nel corso di 15 anni, hanno effettuato per ottenere un risultato che fosse definitivo.Le persone avevano appartenenze politiche diverse, ma evidentemente i tempi e le condizioni non hanno permesso la realizzazione di una delle opzioni proposte,progettate e finanziate.Ricorderebbe inoltre che nel corso della precedente Amministrazione comunale il Consiglio comunale all’unanimità votò la modifica del piano di gestine del territorio proprio in funzione delle richieste fatte dalla Provincia per poter realizzare la viabilità alternativa alla attuale.A proposito del “bruciare”, ricoderebbe che “curiosamente” il Presidente del consiglio attuale ha tenacemente cercato di impedire -per altro senza riuscire nel suo intento- che venisse letta la serie documentata e non confutata degli eventi,dei protagonisti e delle promesse fatte e non mantenute (dai rappresentanti della provincia di quel tempo). Ricorderebbe infine che quanto dal maggio 2011 a oggi è stato realizzato o è in corso di realizzazione è frutto del lavoro di studio,programmazione,progettazione dei precedenti amministratori di maggioranza e minoranza;agli attuali va il riconoscimento della prosecuzione e messa in cantiere delle opere programmate da chi li ha preceduti come sempre deve accadere quando si riconosce che quanto programmato è stato programmato bene.Rispetto al fare ricordo al Signor Gianni che l’ordinanza in oggetto era urgente….. il 13 agosto 2013. Resta l’ordinanza e resta l’urgenza di risolvere l’annoso problema affrontandolo in modo serio . Quando verremo interpellati daremo il nostro parere e tutto il nostro sostegno per riuscire a risolvere definitivamente e col minor disagio posssibile per i cittadini bagnolesi il problema del traffico. In Provincia è stata nuovamente rifinanziato il progetto della bretella (non è ne tangenzialina, nè tangenziale) così come già approvato 6 anni fa. Contemporaneamente è iniziato il percorso di revisione del piano territoriale provinciale e in quell’ambito si può pensare di presentare le nostre (amministratori e cittadini) richieste per una soluzione definitiva di cui la realizzazione (e non la promessa) della bretella è solo il primo passo che comunque deve assolutamente essere propedeutico a qualsiasi spostamento del traffico veicolare in Bagnolo Mella.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...