Consiglio Comunale del 10 marzo 2013 – Discutere: un’inutile perdita di tempo

filandaIl Consiglio Comunale celebrato lunedì sera mostra i molti limiti dell’attuale maggioranza. E’ sintesi e specchio di difficoltà oggettive legate alla farraginosa macchina burocratica che vincola da una parte i comuni a prendere decisioni senza avere la certezza delle modalità operative e delle reali applicabilità delle decisioni prese dalle comunità locali. Dall’altra esibisce l’incapacità dei nostri amministratori di rendere partecipi i consiglieri comunali e i cittadini di decisioni importanti che possono modificare le abitudini della cittadinanza.

Ne sono esempi marchiani la decisione presa sulla centrale di stoccaggio del gas in una zona potenzialmente a rischio geologico affrontata con incontri pubblici, ma troppo tecnici e tenutisi in orari che non hanno favorito la partecipazione di tutti. La questione viabilità affrontata in maniera unilaterale, verticistica e senza progettualità, tanto che è ancora aperta, non affrontata né risolta in tutta la sua complessa emergenza. Il caso spinoso, ben approfondito dal collega Godizzi, riguardo alla tassazione sui rifiuti e in particolare sulle mitigazioni da adottare per le categorie più colpite dalla variazione del metodo di calcolo; voluto dalla Legge, ma declinato da scelte dell’attuale amministrazione con modalità quantomeno discutibili e assolutamente non condivisibili se si vuole aiutare una economia in crisi per i piccoli imprenditori e per il commercio di vicinato, e se si vogliono aiutare le persone già abbondantemente tassate. Infine la questione del consorzio per la gestione della fornitura del gas per il nostro ambito territoriale.

 Preso atto della saggia decisione da noi apprezzata e condivisa di mettere in votazione solo l’adesione al consorzio (e rimandare quindi la decisione sulla convenzione che lo regola), ci sorgono spontanee delle domande: perché non ne sapevamo nulla fino al giorno in cui è stato convocato il Consiglio Comunale? Perché in due mesi non è mai stata convocata almeno una commissione così che il sindaco potesse esser effettivamente portavoce del consiglio comunale? Fortunatamente la proroga permetterà il recupero dei passaggi tecnici necessari perché questo sia possibile e l’assemblea dei sindaci delibererà su un documento effettivamente condiviso almeno dai consiglieri (e auspicabilmente, comunicato preventivamente ai cittadini). L’attuale amministrazione non può ignorare l’importanza del rispetto dei ruoli di ogni organo comunale e il principio della partecipazione alla vita amministrativa. Ancora una volta e con rammarico abbiamo scelto di non partecipare al voto proprio per rimarcare questa mancanza di rispetto: il Consiglio Comunale deve essere partecipe e protagonista delle decisioni da adottare e non semplice notaio.

Tornando invece alla questione Tares, il Sindaco nelle sue comunicazioni ha comunque annunciato per la prossima settimana un incontro con i commercianti per spiegare i risultati dell’operazione “Fondo mitigazione”. Da ciò dobbiamo evincere che gli importi non sono ancora stati liquidati e che la faccenda sta procedendo più lentamente di quanto indicato negli atti (nella delibera di giunta dell’11 dicembre 2013 si parlava del 28 febbraio 2014 come data entro la quale dovevano essere liquidati i contributi ai commercianti). A tal proposito, abbiamo depositato un’interpellanza urgente in materia, che potete visualizzare cliccando qui.

Gianpietro Donini
Capogruppo Lista Civica Donini Sindaco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...