Raccolta differenziata: la relazione dell’incontro svolto – Il dibattito pubblico

calottaPubblichiamo la seconda parte della relazione sull’incontro pubblico svoltosi il 21 febbraio. Qui a seguito verranno esposte le maggiori questioni emerse durante il dibattito con il pubblico e le risposte dei relatori, ove fornite. Vi ricordiamo che è disponibile lo streaming audio dell’incontro, che potete ascoltare cliccando qui.

  • Difficoltà spaziali: dove metto 5 bidoni? Il marciapiede talvolta è largo solo 45 cm: dove passano i pedoni? Inoltre i bidoni di chi lavora ed è lontano da casa tutto il giorno rimangono per strada fino a sera. Perché non è stata prima consultata la popolazione? Non è che con la delega divento uno schiavo.
  •  Vivenzi prima parlava di tariffa puntuale. Quante volte in un anno viene ritirato il RUR a Paderno? A Bagnolo Mella una sola volta alla settimana. Spenderemo meno ma avremo meno ritiri. Inoltre ho il fondato timore che le nostre campagne si riempiranno di rifiuti: con la calotta il rifiuto viene abbandonato di fronte ai cassonetti; è più facile ritirarlo ed individuare i responsabili.

Vivenzi: A Paderno una volta alla settimana, e questo ritiro non rientra nella tariffa variabile. Vi sono dei costi incomprimibili che rientrano nella tariffa base: ammortamento bidoncini, servizio, spazzamento strade, e anche 12 svuotamenti all’anno del RUR: chi li supera paga. Chi fa la raccolta differenziata, tuttavia, non supera mai i 12 svuotamenti previsti.

  • Lavoro in un impianto di compostaggio.  Il contenuto dei cassonetti dell’organico (umido) della raccolta a calotta è disastroso, spesso sono presenti sacchetti non biodegradabili. E’ l’obiettivo dell’ambiente migliore che va perseguito. L’operazione di differenziazione va fatta in entrambi i casi dal cittadino, col vantaggio che con il porta a porta si hanno a disposizione i bidoncini, di colore diverso, che aiutano nell’operazione.
  • Qualcuno ha tenuto presente l’inquinamento causato dal maggior numero di passaggi dei mezzi?

Rossini: è stato uno degli elementi di valutazione, negativo in questo caso, considerato dall’amministrazione. Abbiamo iniziato nell’ottobre 2011 a studiare il metodo di raccolta; ci siamo confrontati con le amministrazioni locali vicine che già adottavano il porta a porta o la calotta; ne abbiamo parlato nelle commissioni. Inizialmente eravamo propensi a optare per la calotta perché implica un cambio di abitudini più graduale, ma alla fine l’amministratore deve fare una scelta. Nel 2013 il comune ha speso 1.150.000 IVA  compresa. L’appalto di tutti i servizi (spazzamento, inerti, isola ecologica, rifiuti dei parchi) è stato messo a bando di gara allo stesso importo, ovvero 1.150.000, ed è stato aggiudicato a € 980,000 con un risparmio del 15% (gli importi sono IVA inclusa) Da 88 €  si passa a 75 € per abitante. Questa è la realtà per i prossimi 6 anni, fermi i quantitativi sulla base dei dati storici. Quindi abbiamo conseguito due risultati positivi: tutela dell’ambiente e risparmio economico.

Vivenzi: a Paderno i mezzi devono esser a metano o elettrici.

  •  L’amministrazione comunale non ci ha coinvolto in un processo di trasformazione culturale e delle abitudini.  I bidoncini sui marciapiedi, estetica a parte, sono ingombranti. Quando poi c’è cattivo tempo si riempiono di acqua, si rovesciano. Ad esempio, nel Comune in cui lavoro, e dove viene svolta la raccolta porta a porta, un addetto passa 2 mattine alla settimana a raccogliere i sacchetti abbandonati sul territorio raccogliendo una quantità enorme di rifiuti.  Nelle abitudini dei cittadini di Bagnolo ci sono le isole per la raccolta differenziata. Da anni è mancata la sensibilizzazione perdendo di vista l’obiettivo di fondo, ovvero la salvaguardia e tutela dell’ambiente. L’aspetto culturale, informazione sul ciclo complessivo dei rifiuti, è fondamentale perché se i cittadini non sanno come viene riutilizzata la differenziata (e quindi non hanno la certezza che venga effettivamente riutilizzata) il differenziare sarà vissuto come imposizione con la conseguenza che sarà fatta male e poco.
  • Risparmio: ma è stato fatto anche un confronto col calotta?

 Rossini: no, perché è il risultato della gara. La gara ha portato ad un sistema di fattori che ha concorso a fare degli sconti sul progetto di raccolta porta a porta. Non si possono mettere due sistemi a gara.

Bianchini: Mettere a bando un servizio ha evidenziato la possibilità di avere un risparmio. Ma la stessa cosa si sarebbe ottenuta se fosse stato messa a bando il servizio a calotta (è logico, se sommo tutti i costi dei servizi attuali e vado al ribasso). Rimango convinto che per come deve essere gestito il porta a porta non può che costare di più: implica più mezzi, più uomini, più funzioni che non vengono regalate a nessuno. Tuttavia la discussione sul  metodo, porta a porta o calotta, non deve far passare in secondo piano il fine: che è quello di avere stili di vita sostenibili anche per le generazioni future. Ma il fine lo si persegue se condiviso con i cittadini, attraverso un percorso culturale, non se imposto.

  • Pur essendo idealmente favorevole al porta, mi chiedo se il porta a porta sia funzionale al numero di abitanti di Bagnolo Mella e all’assetto urbano, e sono imbarazzata rispetto all’educazione dei miei concittadini: già ora trovo la campagna e i parchi pieni di sporcizia. Pertanto credo che l’amministrazione, per quanto avrebbe dovuto coinvolgerci, si troverà ad affrontare una situazione molto pesante e chiedo se a tal riguardo l’amministrazione è stato fatto uno studio sul rapporto cittadini esperienza porta a porta.

Rossini: E’ stato un percorso molto dibattuto nelle commissioni e ci si è confrontati con chi aveva già fatto esperienza.  E’ più facile il metodo più comodo. Sapere che l’operatore non ti raccoglie il rifiuto non correttamente differenziato porta a responsabilizzare direttamente il cittadino.

  • Per i bagnolesi la realtà è che ci troviamo una cosa già fatta. C’è confusione perché ad esempio alcuni hanno già ricevuto comunicazione circa le modalità per il ritiro dei bidoncini, mentre altri no; inoltre ci si domanda se costa di più o meno.

Rossini: Informare circa il costo prima dell’aggiudicazione della gara era impossibile. Gli uffici hanno impiegato 5/6 mesi per arrivare all’assegnazione definitiva. Solo dopo tale atto  è stato possibile informare e sensibilizzare i cittadini e saranno messi a disposizione numerosi strumenti:  riunioni informative che mi auguro saranno molto partecipate, linea telefonica verde, informazioni online.

  • Il servizio, in regime di tariffa, lo pagano i cittadini al 100%, o direttamente oppure attraverso il ricorso alla fiscalità locale. Ciò premesso sorgono dubbi su quanto e come i cittadini pagheranno per lo smaltimento dei rifiuti per le seguenti ragioni. La gara per l’affidamento della raccolta rifiuti è stata fatta al ribasso partendo dall’importo degli ultimi anni, fermo restando il quantitativo di rifiuti che tuttavia è una variabile solo stimata in quanto non è stata  puntualmente misurata dal comune nel corso di questi anni. Uno degli obbiettivi della raccolta differenziata è quello di riuscire a far partecipare il cittadino alla spesa in funzione della quantità di rifiuti da lui prodotta e da smaltire. Anche su questo aspetto l’amministrazione comunale non ha esperienza perché finora la partecipazione al costo dello smaltimento dei rifiuti è stato in funzione della superficie degli immobili. Se a ciò si aggiunge che è ragionevole attendersi abbattimenti per i nuclei famigliari numerosi, con componenti in condizioni di fragilità, abbattimenti per chi ad esempio ha il composter, il quadro si complica.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...