Tutti i nodi vengono al pettine

nodipettineFinito il tempo dei proclami allarmistici la giunta archivia un bilancio 2013 all’insegna della “normalità”. Noi lo avevamo detto nel 2011, adesso anche il Sindaco lo mette nero su bianco. Insomma: c’erano le condizioni per normalizzare il bilancio perché le uscite extra (2,5 milioni) trovavano copertura nelle entrate extra (2,9 milioni). Quando lo dicevamo noi nel 2011 facevamo ridere (anzi, testualmente: “sorridere”) ora è venuto il tempo della verità. Il tempo è sempre galantuomo…

Senza attardarci su quanto avvenuto nel recente passato ci concentriamo sul bilancio 2013, che dimostra come la guerra che impazza in comune abbia fatto come prima vittima il buonsenso. Stampare ancora le buste paga in comune? Nossignori, all’esterno! 12.000 euro annui. Gestire l’informatica con il personale? Nossignori, all’esterno! 22.000 euro annui. Multe? E’ molto più trend il sistema dei palmari. Costo annuale del servizio: 35.500 euro tutto compreso. Controllo dei tributi? All’esterno anche quello pagando alla società privata il 17%+Iva sulle somme incassate. Risultato? Per accertamenti su evasione ICI/IMU+Tarsu si è passati da euro 195.000 nel 2011 ad euro 98.000 nel 2013. Non proprio un successone.

Tra le somme impegnate nel 2013 troviamo euro 33.680 per il fondo mitigazione Tares, nato per rimediare al pasticcio creatosi a Bagnolo con la nuova tariffa. Altra chicca: chi si è dimenticato quando dicevano che un sacco di famiglie non pagavano i servizi scolastici? Bene, le somme da riscuotere (tra scadute ed a scadere) sono passate da 112.000 euro a fine 2010 a 230.000 euro a fine 2013. Più del doppio. Queste sono le cifre, il resto è fiato sprecato. Noi stiamo cercando di essere obiettivi e non abbiamo pregiudizi, né contro i volontari del verde né contro la “Notte Bianca”, anche se non capiamo perché spacciarla per gratuita quando è costata 10.000 euro. E’ altro quello che ci infastidisce.

Siamo contrariati per il continuo conflitto con i dipendenti comunali, contro i quali è tutto un fiorire di guerriglie e ripicche. A farne le spese non sono solo i lavoratori ma la stessa funzionalità dei servizi (il trattamento riservato all’ufficio tributi ed all’ufficio commercio ci lascia allibiti, ma l’elenco sarebbe molto lungo). Il clima di scontro non risparmia nessuno: le società sportive, le realtà associative del paese, il comitato per il traffico e perfino i commercianti e le attività produttive, tanto che con alcuni sono arrivati perfino in tribunale, altro che denunciare l’opposizione come avevano proclamato!

A chi giova questa guerra continua? L’asse Almici-Lega che sta trainando questa amministrazione le sta imprimendo un marchio inconfondibile, fatto di esaltazione propria e di denigrazione altrui. Ormai si è fatto tardi per continuare ad attaccare i predecessori, adesso sono i cittadini che giudicano quello che vedono. Gli alibi sono finiti ed i nodi sono venuti al pettine.

Stefano Godizzi
Consigliere Comunale Lista Civica “Donini Sindaco”

Annunci

Un commento

  1. in questa nostra città mi sembra che nonostante tutti i nodi fatti dalle varie amministrazioni che si sono succedute negli ultimi quarant’anni,nessuno li ha mai sciolti,la popolazione ha allargato sempre i denti al pettine e tutto è andato avanti come sempre.:.La dimostrazione di quanto i cittadini partecipino alla vita della città è data dalle presenze ai consigli comunali.nulla! Se la partecipazione fosse stata all’altezza di cittadini che amano la propria città probabilmente non saremmo all’ultimo posto nella graduatoria per vivibilità.Forse ci sarebbe una tangenziale,forse molte ditte artigiane e della pmi non se ne sarebbero andate,forse ci sarebbe un’ufficio per il collocamento,forse ci sarebbe un centro sportivo degno di tale nome e non quattro c…..e come quelle che ci sono,forse ci sarebbe il verde pubblico degno di essere chiamato VERDE,forse non avremmo le strade asfaltate con il badile….e potrei continuare ancora.
    Di questi tempi,data la situazione economica in cui siamo,per far quadrare i conti basterebbe una massaia che sicuramente sa fare i conti meglio di un/a commercialista,se non altro sarebbero
    più chiari e tutti capirebbero il bilancio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...