IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA INCONTRA: LA LEGGE DELRIO E LA VIABILITA’ A BAGNOLO

Venerdì sera 18 dicembre presso il Circolo PD di Bagnolo Mella il Presidente della Provincia ha incontrato gli iscritti, i simpatizzanti, i rappresentanti del mondo dell’associazionismo ed i cittadini bagnolesi tutti.
Nel corso della serata è stata analizzata, seppur in modo sintetico, la legge n.56/2014 (cd. Legge Delrio) che ha ridisegnato le competenze della Provincia ed in particolar modo ha ridefinito la disciplina delle Città Metropolitane nonché le unioni e fusioni di Comuni.
Il Presidente della Provincia ha evidenziato come questo nuovo assetto delle Province, ora denominate “Enti di Area Vasta”, si collochi all’interno di un progetto di legge transitorio che dovrà, per natural conseguenza, sfociare in un più ampio disegno riformatore di rango costituzionale.
Degli organi della Provincia (Presidente, Consiglio Provinciale, Giunta Provinciale) rimane oggi soltanto la figura del Presidente della Provincia, il Consiglio Provinciale eletto, quale organo elettivo di secondo grado e l’Assemblea dei Sindaci.
Anche le competenze in capo a questo nuovo Organismo Provinciale sono mutate come ha sottolineato in maniera puntuale il Presidente Mottinelli.
Rimangono competenze, di natura statale, in capo agli Enti di Area Vasta, quelle in materia di Edilizia Scolastica, Ambiente e Territorio, Viabilità, Gestione e Costruzione delle strade provinciali, nonchè la Gestione delle gare d’appalto per conto dei Comuni, mentre tutte le altre competenze rimangono in capo alla Regione che ne ha le deleghe e che ne ha la facoltà di mantenerle in capo a sé o trasferirle ai nuovi Enti di Area Vasta.
Il Presidente Mottinelli ha, inoltre, sottolineato come la legge Delrio abbia comportato una drastica riduzione del personale con la messa in mobilità presso i Comuni e la Regione del personale in esubero.
Il nuovo assetto ha, pertanto, causato anche una riduzione di spesa pubblica, cosicché oggi le ex Province si vedono costrette soltanto a garantire i servizi essenziali a causa delle scarse risorse finanziarie in loro possesso.
Il tema della viabilità è stato poi al centro della discussione della serata. Tale tematica sta a cuore ai Bagnolesi in quanto l’attuale Amministrazione comunale di Centrodestra ha, attraverso una serie di ordinanze, modificato l’assetto viabilistico di Bagnolo, trasferendo il traffico pesante da via Gramsci ad un’altra area di circolazione del paese.
Tale operazione viabilistica doveva essere supportata, secondo quanto affermato più volte dal Sindaco Almici, da un successivo intervento che, grazie ad un accordo di programma sottoscritto con la Provincia di Brescia, avrebbe previsto la realizzazione della “cd. tangenzialina” di Bagnolo per una parte finanziata dall’Ente Provincia e per un altra finanziata dal Comune.
Questa affermazione, ribadita anche in Consiglio Comunale dal primo cittadino, è risultata priva di alcun riscontro, aveva purtroppo uno scopo meramente propagandistico e la riprova è stata data venerdì sera anche dall’attuale Presidente della Provincia di Brescia Mottinelli.
A chiare lettere il Presidente ha sottolineato, rivolgendosi ai presenti, che non ha trovato in eredità dall’ex Presidente Molgora alcun accordo di programma da eseguire in merito alla “tangenzialina” e che non esiste alcuna copertura finanziaria relativa alla realizzazione di tale opera pubblica.
Senza copertura finanziaria, nessun accordo di programma può essere reso esecutivo ed a maggior ragione nemmeno quello relativo all’opera di Bagnolo il cui accordo addirittura non fu giammai sottoscritto dall’allora Presidente Molgora.
Nemmeno l’affermazione del Sindaco Almici, ripetuta sui giornali locali, relativa all’intervento della Regione Lombardia per la realizzazione della “tangenzialina”, a seguito della promessa fatta da Maroni al nostro primo cittadino di finanziare l’opera pubblica facendola diventare la strada regionale 1, trova riscontro nelle parole del Presidente della Provincia Mottinelli perché la gestione e la costruzione delle strade rimangono di competenza provinciale.
Le continue affermazioni in materia viabilistica per la soluzione dell’annoso problema di via Gramsci sbandierate ai quattro venti dal nostro Sindaco sugli organi di stampa sanno evidentemente di pura propaganda elettorale di chi all’avvicinarsi della prossima primaverile tornata elettorale cerca ancora consensi nella cittadinanza bagnolese per poter affidare nuovamente al Centrodestra l’amministrazione di Bagnolo. Sarebbe più opportuno promettere meno e mantenere di più!

Coordinamento di Circolo PD Bagnolo Mella
Gruppo di lavoro “Civica Bagnolo 2016”

P.S. Il Circolo PD di Bagnolo Mella, unitamente al Gruppo di Lavoro “Civica Bagnolo 2016”, ringrazia sentitamente il Presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli per la presenza e la disponibilità dimostrata.

01  02

Annunci

17 commenti

  1. viviani agnese · · Rispondi

    invece di parlare di propaganda elettorale x quanto riguarda la via gramsci dovreste parlare di atti vergognosi perpetrati ai danni del sindaco che ha fatto l’ordinanza famosa 51 che dirottava il traffico dandoci un po di respiro ed è altrettanto vergognoso che altri cittadini costituitasi in comitato x annullare tutto quanto appellandosi perfino al T.A.R. Tutto Bagnolo sa in quali condizioni si vive in via gramsci tranne voi che avete fatto tutto il possibile x boicottare.VOI avete fatto tutto ciò x propaganda elettorale con una cattiveria da far invidia al diavolo stesso.Sono sicura che vi ritroverò alle prossime elezioni ,comitato ctb compreso.Non ditemi che cera tutto bagnolo all incontro con Mottinelli,c erano 4 gatti compreso me.Ditelo chiaramente,qual è l alternativa che proponete,ributtare il traffico su via gramsci?

    1. Erminio Forzanini · · Rispondi

      Mi scusi signora Agnese…non capisco!!! Non c’è bisogno di ripetere le cose da te scritte precedentemente con un copia e incolla. Non sono un ritardato e comunque grazie ancora!

  2. Roberto Polini · · Rispondi

    Cara Agnese.
    Mi viene in mente un proverbio “piuttosto che niente, meglio piuttosto”.
    Denigrare le attività proposte da un partito, da un gruppo dove si è discusso in modo civile con un livore come il tuo, non mi sembra corretto.
    Il presidente della provincia ti ha risposto nel modo più pacato possibile e ti ha dato tutta la disponibilità, sua e dell’ufficio di competenza, per chiarire i tuoi dubbi.
    Almeno il PD e la lista civica promuovono degli incontri per discutere su certi argomenti e danno modo alla popolazione di esprimere le proprie opinioni. Gli altri, no.
    Dunque ” piuttosto che niente, meglio piuttosto “.

    1. viviani agnese · · Rispondi

      Polini, nn hai capito il mio punto di vista forse perchè nn conosci i precedenti.io nn ho denigrato l ‘intervento del presidente Mottinelli,tutt’altro,persona molto educata ma ripeto chi deve capire ha già capito compreso il sig Bassi che detesto profondamente .ciao

  3. Marco Bassi · · Rispondi

    Ringrazio per l’opportunità concessa a tutti i cittadini. Il Presidente Mottinelli, oltre ad aver affermato chiaramente che l’accordo Comune – Provincia, punto cardine sul quale si è basata l’azione relativa alla viabilità dell’attuale amministrazione, non esiste (e quindi nemmeno il finanziamento), al fine di dipanare i dubbi della sig.ra Agnese Viviani si è impegnato di fronte alla platea a farla contattare per fornire qualsiasi ulteriori delucidazione in merito. Chiedo quindi alla suddetta signora di essere coerente con quanto detto a me personalmente, ovvero che avrebbe scritto ai mass-media ed ai giornalisti in merito alla risposta ricevuta. Ovviamente, nel caso in cui “anche” il Presidente Dr. Mottinelli si fosse sbagliato, la invito a pubblicare il riferimento del n. di protocollo dell’accordo. Semplice, no? Aggiorno la sig.ra Viviani in merito alle ordinanze: la n. 51 del 09.06.2014 è solo la seconda, la prima è la n. 56 del 13.08.2013, poi sono arrivate la n. 73 del 29.09.2014 e la n. 45 del 25.05.2015.
    Resto in attesa, saluto cordialmente.

  4. Erminio Forzanini · · Rispondi

    Cara signora Agnese mi preme e sento il dovere morale di fare alcune brevi considerazioni in merito al suo prezioso commento che ha postato sul sito istituzionale del PD di Bagnolo Mella relativamente all’incontro con il Presidente della Provincia Mottinelli.
    Considerazioni che credo siano utili al fine di dipanare un’intricata matassa che è più fitta della tela di Penelope.
    Sinceramente non abbiamo mai detto, né tanto meno eravamo mossi da qualsivoglia velleità, così come non pretendevamo che all’incontro con Mottinelli ci fosse tutto il paese ma credo che non faccia nemmeno bene a chi legge per conoscenza sostenere che “c’erano quattro gatti”.
    Credo che Mottinelli abbia chiarito ai presenti la questione viabilità bagnolese e ribadisco che quando qualsiasi politico di qualsiasi appartenenza partitica afferma e promette debba avere anche la consapevolezza e correttezza nei confronti dei propri elettori che tali promesse dovranno poi essere supportate da atti concreti altrimenti, ribadisco, è mera propaganda elettorale finalizzata all’ottenimento dei soli consensi.
    Per quanto attiene alla decisione operata dal Sindaco in merito alla modifica della viabilità bagnolese ritengo che le scelte politiche facciano parte della competizione democratica purché siano responsabili, ponderate e che tengano conto delle conseguenze positive e negative che ne possono derivare.
    Il Partito Democratico non ha mai criticato, in sé, la scelta politica operata dal Sindaco, bensì ha contestato il modo con cui è stata portata a termine l’operazione viabilità senza alcuna partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, senza convocazione di alcuna assemblea pubblica.
    Tutto è stato deciso nelle stanze dei bottoni, sulla collina non permettendo nemmeno ai guerrieri della prateria di depositare le proprie asce.
    Quando si opera una scelta viabilistica non si può spostare il problema da una zona ad un’altra del paese ma semmai va risolto o si deve cercare con la collaborazione di tutti i cittadini, comitati a parte, di risolverlo.
    Mi dispiace, poi, che Lei ci accusi di “fare propaganda elettorale con una cattiveria da far invidia al diavolo stesso”.
    Noi abbiamo cercato soltanto di essere realistici, di far capire, per quanto nelle nostre possibilità, che la viabilità è un tema estremamente delicato che incide sull’assetto urbanistico di tutto il paese. Non ci piace scherzare né coi fanti, né coi santi e il diavolo preferiamo lasciarlo al suo posto…..ci potremmo scottare!
    A proposito una breve “precauzione” di Eugenio Montale:

    “Non a torto mi avevano raccomandato,
    se andavo a cena dal diavolo,
    di usare il cucchiaio lungo.
    Purtroppo
    in quelle rare occasioni
    il solo a disposizione
    era corto.”

    Ad ogni buon conto gentile signora Agnese mi auguro che, come promesso dal Presidente Mottinelli, sia stata o verrà contattata dal dirigente dei lavori pubblici della Provincia di Brescia Arch. Mazzoli così potrà accertarsi, di persona, sullo stato dell’arte della questione “tangenzialina” di Bagnolo.
    Colgo l’occasione per augurarLe un sereno Natale!
    L’astio non fa bene alla salute!

  5. viviani agnese · · Rispondi

    buongiorno sig Forzanini,tanto x cominciare ribadisco quanto già detto e poi subito ringrazio e ricambio gli auguri di un buon natale a lei.Il mio natale sarà certamente buono e sereno come sempre visto che lo passerò in famiglia e nn sarà certo subordinato a questa brutta idea.Chi ha redatto l’estratto dell’assemblea ha lasciato intendere che la cittadinanza bagnolese tutta aveva partecipato ma sappiamo entrambi che nn è cosi.C’eravamo tutti e due no?C’erano i soliti 20/5 tutti compatti e la mia partecipazione nn mi è sembrata molto accogliente.Per nn parlare del Sig Bassi che ha avuto l’ardire di avvicinarsi a me e mettermi in bocca parole che nn ho mai detto ma solo che volevo arrivare in fondo a questa storia che ha il sapore di chi x anni ha voluto insabbiare e far morire la via gramsci.La faccenda sig Forzanini nn è stata decisa nella sala dei bottoni ma con tantissime firme popolari che sarebbero state anche molte di piu se tanta gente nn fosse stata ingannata dal comitato ctb ai quali era stato fatto intendere che era si x via gramsci ma nn x la riqualificazione bensi in breve nn era stato detto alla gente che loro erano contro.Ancora in breve nessuno ha risposto alla mia domanda.QUAL’E’ LA VOSTRA ALTERNATIVA?qual’è il vostro progetto,rimandare tutte le schifezze su via gramsci?x me me la vostra è solo mera politica.Chi boccia progetti di pubblica utilità per la popolazione o di sviluppo e sicurezza a casa mia nn merita considerazione.Grazie

  6. Marco Bassi · · Rispondi

    Sig.ra Agnese, mi spiace che abbia la memoria corta sia in merito all’azione del Comitato C.T.B., sia in merito a quanto da lei risposto dietro mia esplicito invito a pubblicare le informazioni che avrebbe ricevuto dal Presidente Mottinelli, qualsiasi esse fossero. Ma la sostanza non cambia e visto la sua ostentazione, penso che non veda l’ora di COMUNICARE A TUTTA LA CITTADINANZA IL N. DI PROTOCOLLO E LA DATA DEL DOCUMENTO RELATIVO AL PRESUNTO FINANZIAMENTO EROGATO DALLA PROVINCIA AL NOSTRO COMUNE. Se il Presidente Mottinelli è stato inadempiente, immagino che lei non avrà difficoltà a chiedere l’accesso agli atti presso il nostro Comune. Il C.T.B. lo ha già fatto (in diverse occasioni) ma penso che non ritenga credibile quanto da noi raccolto. Quindi mi auguro sinceramente che una sua chiara e ben documentata risposta possa finalmente aprire gli occhi non solo alle moltissime persone “ingannate dal Comitato C.T.B.”, ma a tutti i bagnolesi.
    Ringrazio in anticipo per il servizio che, visto le sue ingiuriose accuse nei confronti del C.T.B., per correttezza DOVRA’ fare alla cittadinanza ed attendo fiducioso.

  7. viviani agnese · · Rispondi

    Qui, come sempre, continuate a travisare le cose cercando così di confondere le idee.
    Sarò telegrafica e chiedo quindi agli interlocutori:
    Pd Bagnolo: qual è l’alternativa che proponete in attesa della tangenziale (ah, già, chiamiamola col vostro nome altrimenti non capite, tangenzialina)?
    Ctb: quali sono state le vostre iniziative presso la società Autostrade per ottenere quello che continuate a proporre, cioè la costruzione dei caselli autostradali a Bagnolo?
    Ctb: quali sono state le vostre iniziative presso la provincia per fare in modo che stanzi questi soldi per la tangenzialina? Quali proteste avete fatto?
    Ctb: quali sono state le vostre pressioni presso la Regione per ottenere i fondi per la tangenzialina?
    Ctb: siete stati soddisfatti delle risposte del Presidente Mottinelli in merito ai mancati stanziamenti per la tangenzialina?
    Attendo fiduciosa risposte pertinenti ed esaustive.

  8. Marco Bassi · · Rispondi

    Appurato che la sig.ra Viviani anche stavolta tace in merito ai riferimenti del documento certificante il finanziamento della Provincia, premesso che è compito degli amministratori agire come meglio ritengono opportuno (augurandoci sempre nel rispetto delle regole) e che i cittadini possono o meno essere d’accordo sulle scelte, ribadisco quanto da me detto anche al Presidente Mottinelli, ovvero che al fine di non ingannare i bagnolesi meno attenti, la bretella di collegamento NON è definibile tangenziale in quanto il traffico viene dirottato su una strada urbana. Per rispondere per l’ennesima volta ai quesiti della sig.ra Viviani, ricordo che sin da subito ci siamo proposti al sindaco come supporto affinché si risolvesse il problema traffico di Bagnolo ma il nostro aiuto è stato rifiutato. La nostra proposta relativa alla costruzione dei caselli autostradali che avrebbe potuto essere il punto focale per il quale condurre una battaglia comune non è stata accettata e l’amministrazione ha rapidamente dirottato il traffico “per un periodo di prova ed in attesa della costruzione della bretellina”. Mi auguro che la sig.ra Viviani sappia che nel consiglio di amministrazione del Centro Padane, siede come consigliere la Dott.ssa Cristina Almici e come Vice presidente il Dr. Daniele Molgora (ex Presidente della Provincia di Brescia), colui che, secondo la sig.ra Viviani, avrebbe firmato il finanziamento. A seguito della relazione tecnica rilasciata dalla Provincia di Brescia che ha ritenuto allo stato dei fatti non a norma il percorso di zona Urne, il Comitato CTB ha utilizzato l’ultima arma disponibile per contrastare le scelte dell’amministrazione e si è rivolto al TAR. Sono stato soddisfatto dalle risposte del Dr. Mottinelli perché hanno fatto chiarezza in merito all’inesistente finanziamento e perché si è dimostrato disponibile alla valutazione di un piano (che dovrà essere condiviso con gli amministratori locali) che sollevi dal traffico non solo Bagnolo ma anche i paesi vicini.
    Ora temo solo che dopo aver letto ovunque per tre anni che “la Provincia ha finanziato la bretellina”, si propini ai cittadini per un periodo indefinito il falso messaggio che il finanziamento arriverà dalla Regione, dato che ad ora la Viabilità è ancora in carico alla ex Provincia, denominata dalla legge Delrio Ente di Area Vasta.

  9. viviani agnese · · Rispondi

    Mottinelli: sto aspettando dallo stesso le risposte che mi ha promessso di dare. Per ora non mi ha ricontattato.
    Ancora Bassi non risponde ma non importa, tanto so che le risposte non le ha.
    Da quello che scrive quindi, Sig. Bassi, iniziative presso la Provincia, Centropadane, Regione, per protestare e per ottenere quello che volete, cioè la tangenziale, non ne avete fatte, come pensavo. Il tutto si riduce, come sempre, alla sola protesta contro il Sindaco e solo per fini elettorali e politici e per dirottare di nuovo il traffico sulla via Gramsci, lontano dalle vostre case. E’ chiaro a tutti quanto vi sta a cuore il “traffico bagnolese” anche perchè non avete mosso un dito neanche per le altre zone. E poi non accetto lezioni di sapienza: so benissimo che Almici e Molgora sono in Centropadane. Ragione in più, per voi, per protestare in quella sede, non trova? E qui chiudo perchè tanto le risposte non arriveranno mai da lei perchè i vostri intenti ve li ho elencati già troppe volte!

  10. Elisabetta tognoli · · Rispondi

    Ho letto con vero interesse le diatribe suscitate dal problema riguardante la viabilità.
    Innanzitutto chiedo perdono per far parte di quei tanti gatti che preferiscono stare a casa piuttosto che partecipare alla vita sociale e politica della ccomunità. Mi rendo conto che é troppo comodo e facile lasciare agli altri queste difficili incombenze. Io mi auguro che i nostri amministratori si adoperino per il bene della comunità senza altri fini… ma è un altro discorso.
    Tornando alla viabilità, leggo ora l’articolo pubblicato sul Giornale di Brescia di oggi e basita mi chiedo dove stia la verità! Aiutate una povera cittadina senza arte ne parte a capirci qualcosa..
    Grazie

    1. viviani agnese · · Rispondi

      Sig.ra Tognoli,
      il fatto che Lei abbia messo in discussione quella che chiama diatriba, dimostra, a mio avviso, una spiccata intelligenza. In verità non si tratta di una diatriba ma di un problema vero ed impellente irrisolto da 50 anni, come anche Lei, se è di Bagnolo, saprà. Questa Amministrazione ha fatto tutto il possibile per risolverlo, a fatica, con tutti gli ingranaggi della burocrazia sempre inceppati, soprattutto e anche a causa dell’opposizione che si è prestata in mille modi per bloccare questi ingranaggi, non ultimo il ricorso al Tar. Quindi io sono sicura che la sua intelligenza ne trarrà il giusto equilibrio ed io, essendo portavoce del Comitato per la riqualificazione di via Gramsci, da tantissimo tempo cerco di capire perchè c’è stata la volontà di insabbiare questo progetto. Quindi, prima di pronunciarmi completamente, aspetto che il Presidente della Provincia Mottinelli mi chiami, come ha promesso pubblicamente quella sera (18 dicembre 2015), per chiarire con lui tutta la dinamica di questa vicenda. Però, ad oggi, la Provincia tace e quindi non riesco ad avere le risposte promesse.
      La ringrazio per aver fatto questo intervento e cordialmente la saluto.

  11. Marco bassi · · Rispondi

    Gent.ma sig.ra Tognoli,
    sinteticamente:
    – l’amministrazione comunale ha spostato il traffico da una zona all’altra del paese “fino alla realizzazione della deviante della strada provinciale 45 bis da parte di Provincia di Brescia e dal Comune di Bagnolo Mella”
    – per definire tale opera, l’amministrazione utilizza spesso, volentieri ed ERRONEAMENTE il termine “tangenziale” o affine, quando in realtà il traffico extra-urbano sarà immesso su strade urbane
    – nonostante i numerosissimi proclami dell’amministrazione manifestati da oltre due anni sia attraverso i mass-media, sia in consiglio comunale, il contributo provinciale non è MAI stato confermato, ma malgrado ciò lo spostamento del traffico è diventato COMUNQUE definitivo
    – – ora la stessa amministrazione afferma che il finanziamento della bretella di collegamento sarà erogato dalla Regione, quando attualmente la legge Delrio definisce la viabilità di competenza della Provincia (Ente di Area Vasta)
    – l’inesistenza del finanziamento e la competenza della Provincia in merito alla viabilità sono concetti ribaditi molto chiaramente anche dallo stesso Presidente della Provincia, Dr. Mottinelli.

    Altra cosa è “vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso”.

    Cordiali saluti.

  12. Erminio Forzanini · · Rispondi

    Gentile signora Viviani, considerato che il 7 gennaio aspettava una chiamata dalla Provincia per la questione viabilità, mi sono subito attivato sentendo il Presidente Mottinelli per chiedergli di contattarLa. Ieri l’ho chiamata per chiederLe il suo numero di cellulare da trasmettere a Mottinelli, ma si è rifiutata dicendomi che “avrebbe contattato Lei il Presidente”. Sinceramente non capisco questo suo modo di fare: prima afferma di essere ancora in attesa della chiamata della Provincia, poi quando gentilmente La contatto per chiederLe il suo numero da inoltrare a Mottinelli si rifiuta rispondendomi che ci avrebbe pensato Lei. Pazienza ad esser cortesi a volte non serve a nulla!

    1. viviani agnese · · Rispondi

      Scusi tanto Erminio, ma le manca qualche venerdi? Primo,io nn dò il mio telefono a cani e porci,due io nn aspettavo la chiamata il 7 gennaio ma a data da definirsi personalmente con il presidente Mottinelli e se lui ha perso il mio recapito come lei asserisce io nn potevo saperlo e quando da lei è venuta l’informazione ieri con sua telefonata al mio telefono fisso che poteva benissimo by passare al presidente senza disturbarmi.A questo punto,visto che sono grande abbastanza x gestire le mie cose, mi sono attivata. La ringrazio ma nn ho bisogno della balia.

  13. Erminio Forzanini · · Rispondi

    Mi dispiace che Lei scambi la balia per la cortesia!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...